MONGOLIA

La festa del Naadam

Dal 28/6/2018 al 13/7/2018

Steppe sconfinate,  laghi azzurri e montagne  incantate  fanno della Mongolia  uno dei luoghi più affascinanti  e incontaminati  del pianeta.  Lo sguardo  si  perde  nell’immensità di  paesaggi stupefacenti;  orizzonti  e  vallate sembrano non avere mai  fine  e  il loro silenzio è spezzato  solo  dal vento.  Qui il  tempo sembra  essersi  fermato e  i  nomadi della steppa  vivono ancor oggi come secoli  fa, ai tempi del loro grande imperatore Gengis Khan. E’ una terra da esplorare con lo spirito di veri viaggiatori,  capaci di adattarsi alle difficoltà dei percorsi ed agli eventuali imprevisti, ma che ripaga ampiamente il visitatore con la gentilezza e l’ospitalità della sua gente, il sorriso dei bambini, le meraviglie della natura incontaminata, gli animali selvaggi, i branchi di cavalli allo stato brado, nonché con gli aspetti più affascinanti e misteriosi, come le tradizioni culturali e le feste delle diverse etnie nomadi o i rituali degli sciamani.

PROGRAMMA DI VIAGGIO

INFORMAZIONI E MODULO DI ADESIONE

La Mongolia in aereo e fuoristrada riporta subito alla mente le gesta di Genghis Khan e delle sue truppe al galoppo lungo le steppe infinite. Visitando la Mongolia in fuoristrada, ancora oggi, ci sembrerà di essere alla fine del mondo. Il festival del Naadam, che si tiene ogni anno nei giorni 11 e 12 luglio, rappresenta la festa più popolare e più importante dell’anno e richiama nella capitale centinaia di migliaia di mongoli da tutto il paese. Musiche e danze in stile medievale si susseguono per ore, per poi dare inizio alla gara più attesa, in cui gli uomini si battono nella specialità della lotta, lo sport nazionale, per conquistare il titolo di “Leone della Mongolia”. Un altro momento eccezionale è la gara di tiro con l’arco, in cui si sfidano arcieri uomini e donne. Con archi di corno e di corteccia e frecce di legno di salice e penne di avvoltoio centrano bersagli posti a 75 metri per gli uomini e 60 per le donne. Infine, oltre seimila cavalieri danno vita alla manifestazione più spettacolare, quella della corsa sui cavalli. Un grande viaggio tra sconfinate pianure, deserti, steppe con i tipici cavalli di razza mongola e i cammelli del deserto Gobi, dove si possono osservare i resti dei dinosauri fossili, lungo piste che attraversano paesaggi incontaminati e unici. La partecipazione alla festa del Naadam aggiunge valore ad un itinerario già di per sé eccezionale. La Mongolia è un paese unico rimasto isolato per secoli, non ancora battuto dal turismo di massa, che conserva paesaggi naturali incredibili e spazi infiniti dipinti in un incanto di colori. Ma questi… sono solo alcuni degli aspetti che ci spingono ad affrontare questo particolare viaggio…

PER RICHIEDERE ULTERIORI INFORMAZIONI CLICCA QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *